Categorie
Blog

Come si compone un contratto di assicurazione?

Tutte le informazioni e le clausole di un contratto di assicurazione sono importanti in quanto determinano gli obblighi di ciascuna parte. Enzo Anghinelli in questa semplice guida vuole far comprendere come sottoscrivere un buon contratto di assicurazione.

Informazioni obbligatorie nel contratto di assicurazione

Il contratto prevede tre elementi principali che sono: l’importo del premio, il sinistro e la prestazione, ovvero l’importo delle scadenze, la natura del danno e delle garanzie. Tuttavia, per essere valido, il contratto deve contenere altre informazioni obbligatorie, previste dal Codice delle assicurazioni private.

L’oggetto del contratto di assicurazione

Deve pertanto indicare: l’identità completa e il domicilio dell’assicurato, l’oggetto del contratto di assicurazione (una cosa o una persona), la natura del danno e dei rischi coperti, l’inizio e la durata della copertura, l’importo, il massimale dell’indennizzo e l’importo del contributo versato dall’assicurato.

Il contratto deve inoltre indicare la legge applicabile in caso di controversia tra le parti, i recapiti completi dell’assicuratore (sede del gruppo e della succursale o agenzia), gli estremi delle autorità incaricate di controllare la compagnia assicurativa contraente.

La normativa di legge italiana

La Legge richiede che le clausole di invalidità, decadenza o esclusione, proprie dell’assicuratore, e finalizzate all’annullamento della copertura in caso di sinistro, siano chiaramente leggibili ed evidenziate, in grassetto, sottolineato, ecc. Se invece il caso di nullità o decadenza è previsto dalla legge, per esempio falsa dichiarazione, l’assicuratore non ha alcun obbligo di portarlo alla luce.

Gli elementi di cui sopra sono gli unici richiesti dalla legge per la validità del contratto. Tuttavia, l’assicuratore può scegliere di integrare il contratto con altre clausole.

Gli altri elementi del contratto di assicurazione

Il Codice delle Assicurazioni, come sostenuto da Enzo Anghinelli, esperto nel settore sul campo meneghino richiede che il contratto sia redatto (quindi scritto) in italiano, in caratteri leggibili e ben visibili. Questo elemento è fondamentale, perché in materia di denuncia, il codice civile pone l’onere della prova della sua esistenza a chi chiede l’esecuzione di un contratto. È quindi importante assicurarsi di avere sempre una copia del contratto di assicurazione che si potrà far valere in caso di controversia.

Il contratto di assicurazione non deve essere retrodatato, ma deve indicare la data in cui è stato effettivamente firmato. Tuttavia, la copertura potrebbe iniziare a decorrere da una data successiva.

I termini del contratto di assicurazione

L’assicurato e l’assicuratore sono liberi di fissare la durata del contratto. Può essere determinata per un periodo, oppure può essere a tempo indeterminato. In caso di contratto a tempo determinato, è importante prestare attenzione all’esistenza o meno di una clausola di tacito rinnovo.

Infine, affinché l’assicurato sia pienamente informato, l’assicuratore deve allegare al contratto le Condizioni Generali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.