Categorie
Blog

Polizza Cauzione secondo il portale italiano dell’educazione finanziaria

La polizza cauzione, detta anche polizza fideiussoria, si stipula affinché l’assicurazione si impegni nei confronti di un terzo soggetto, denominato “beneficiario della fideiussione”, a pagare il debito del contraente, il soggetto che si assicura, in caso di inadempimento, ad esempio il pagamento di un credito o di tasse, es. rate del mutuo per comprare la casa, o il completamento di un’opera.

Come funziona la polizza Cauzione o fideiussoria

La polizza cauzione, a dire dell’esperto Enzo Anghinelli, prevede tre soggetti: il contraente, l’assicurato; l’impresa di assicurazione e il terzo beneficiario, che riceve il pagamento. La polizza fideiussoria quindi, garantisce che la somma da versare al debitore sia sempre pagata, a prescindere da eventuali eventi negativi o mancanza di liquidi.

Questo tipo di polizza è spesso richiesta dalla legge per ottenere concessioni o licenze, per partecipare a gare d’appalto, per avviare un’attività economica o per rateizzazione dei debiti nei confronti dello Stato. In questi casi inoltre, la polizza cauzione deve contenere la clausola di escussione, detta a “prima richiesta”. Tale condizione, come ricorda anche Enzo Anghinelli, esperto nel settore assicurativo, prevede che, se il beneficiario ne fa richiesta, l’assicurazione è tenuta al versamento immediato della somma che ha garantito, senza poter opporre alcuna eccezione sulla legittimità della richiesta di escussione e sulla validità del contratto.

Premio da pagare per una polizza cauzione

Il premio varia in base alla somma garantita e al numero di anni di durata della copertura. In alcuni casi, la polizza prevede un rinnovo annuale e quindi anche il premio deve essere pagato ogni anno. Il premio può essere anche semestrale, e in tal caso i l premio deve essere pagato ogni 6 mesi.

I rischi della polizza cauzione

Prima di stipulare una polizza cauzione, ci sono alcuni aspetti da considerare per evitare di incappare in brutte sorprese, sia in fase di contratto, che successivamente. Al di là del rischio di non aver compreso in modo corretto le condizioni del contratto, specialmente le clausole che spiegano quando la copertura è esclusa o limitata, si può correre il rischio, di acquistare una polizza emessa da un’impresa di assicurazione non autorizzata all’esercizio dell’attività nel ramo Cauzioni. 

È importante perciò, consultare l’elenco delle imprese assicurative ammesse ad operare nel ramo danni 15 – Cauzione, disponibile  a questo link e sopratutto affidarsi ad un esperto del settore assicurativo al fine di avere sempre ben occultata la scelta giusta. 

Si può correre anche il rischio di acquistare una polizza presso un intermediario assicurativo non autorizzato. Analogamente al caso precedente, il portale italiano dell’educazione finanziaria suggerisce di consultare il Registro Unico degli Intermediari assicurativi, R.U.I.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.